AVVISO AI NAVIGANTI – Oro, oro, oro

Il Nostromo è sceso a terra per cercare una mascherina anti-coronavirus, ma le avevano terminate.

I cinesi hanno trovato un accordo – Deo gratias – con il biondo USA, ma ora in Europa si teme che il prossimo fronte di guerra commerciale sia proprio sul vecchio continente. E in Italia domenica ci saranno elezioni che si preannunciano toste.

Per non sapere nè leggere nè scrivere, il Nostromo si prenderà un po’ di sano e solido oro, non necessariamente fisico, approfittando di questo momento di caduta del prezzo.

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – Sembravano fuochi d’artificio

I bagliori che illuminavano il mare sembravano fuochi d’artificio, i botti che si sparano a San Silvestro per salutare l’anno vecchio e festeggiare il nuovo che arriva, e invece erano lampi di guerra. Il Nostromo – che non ha in gran simpatia il biondo yankee – fatica a capire perché Trump, dopo aver propugnato l’America first, continui a portare la guerra in Iran e altrove, ma tant’è.

Neanche il tempo di rendersi conto cosa succedeva, che dopo la sbandata di un giorno – il minimo di legge – i mercati hanno ricominciato a salire, o quanto meno sono tornati ai livelli precedenti.

Segno che la voglia di comprare, in un mondo allagato di liquidità, è ancora forte e chiara. Anche il nuovo ventennio è dunque iniziato sotto il segno del toro. Durerà?

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – Garbage time

Nel basket si definisce garbage time (letteralmente “tempo spazzatura“) la parte finale delle gare già decise o inutili, in cui non può succedere niente di importante perché il risultato è già acquisito, in un senso o nell’altro.

E’ questa la situazione in cui si trova il mercato, da qui fino alla fine dell’anno. Mancano solo spiccioli di giornate nelle quali con molta probabilità non succederà niente. I fondi non vorranno pregiudicare il risultato straordinario dell’anno che si chiude, ed eviteranno di svegliare il can che dorme.

Tuttavia è bene stare vigili, perché qualche buona occasione, per i piccoli investitori, potrebbe materializzarsi.

Il Nostromo se ne starà in rada ad aspettare, a pieno carico di liquidità, l’anno nuovo, che poi sarà anche il decennio e il ventennio nuovo. Che quando va male, vada così.

Buon 2020 a tutti.

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – Fra due guanciali

Apparentemente siamo fra due guanciali: se l’economia migliora, i tassi non salgono e la borsa cresce; se peggiora le autorità monetarie riducono i tassi e la borsa non scende.

Quindi tutto bene madama la marchesa? Non proprio. Il Nostromo suggerisce prudenza e dove possibile senza danni riportare a casa i soldi. Qualche sinistro scricchiolio si comincia a sentire, e meglio non farsi sorprendere al largo dalla tempesta, anche se ora c’è il sole e un bel vento di maestrale.

Fra due guanciali, d’accordo, ma meglio restare ben svegli.

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – Chiudete la bocca al biondo

Viene da pensare che si diverta come un matto: la mattina si sveglia e fa un bel tweet minacciando dazi a tutto spiano e guerra commerciale ai cinesi. I mercati, che tanto intelligenti non sono, precipitano e tutti pontificano sulla recessione prossima ventura e sulla fine della pacchia.

Poi qualcuno dei suoi corregge il tiro dichiarando che tutto sommato un accordo si troverà, anche se i gialli sono brutti, sporchi e cattivi. E allora tutti di nuovo a comprare.

Il Nostromo ha deciso che, pur in questo tira e molla, navigare necesse est, e pensa che la crisi sia ancora lontana. Non lontanissima, ma per ora a distanza di sicurezza. Tanta liquidità e le elezioni americane in vista: ancora presto per ritirarsi in porto.

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – Tacchini e panettoni

La scorpacciata di Natale è già cominciata da un pezzo, e anche se il tacchino ripieno di castagne (tradizionale abbuffata di Thanksgiving in ricordo del dono degli indigeni ai Pilgrim fathers) è già digerito, tutto lascia pensare che potremo giustiziare panettoni e panforti senza patemi d’animo, a parte i sensi di colpa per la dieta.

Poi però dovremo pensare seriamente a convivere con l’austerità e il piccolo cabotaggio, perché non è pensabile che la pacchia duri ancora a lungo. Due mesi? Forse anche tre, ma non ci sorprenderebbe già col nuovo anno un brusco risveglio e lo sgonfiamento della bolla.

Il nostromo è persona prudente, e non vorrebbe davvero trovarsi al largo a pieno carico mentre arriva la buriana. Godiamoci dunque queste ultime settimane di venti favorevoli per le scorribande natalizie, ma estote parati.

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – I pirati dei Caraibi

Il Nostromo è un marinaio molto particolare: nonché temere i pirati, di questi tempi cerca di imitarli e ne consiglia l’esempio.

Scorribande veloci, avvistamenti rapidi e azione ancor più improvvisa. L’importante non è tanto il bottino, quanto la capacità di uscirne indenni.

Tenere in watchlist non più di 30/35 titoli, di qualità inossidabile, comprare appena uno di essi scivola di almeno il 3%, e vendere in utile. Meglio pentirsi a pancia piena, if even.

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – Il vento continua a soffiare

Il mercato azionario italiano ha fatto + 27% dall’inizio dell’anno, e continua a crescere. Potrà durare? Di sicuro prima o poi la pacchia finisce; ma quando? L’inversione di tendenza sembra matura, l’economia reale arranca, i multipli sono alle stelle. L’investitore razionale e timoroso dovrebbe riportare a casa i suoi soldi e tenerli al sicuro in attesa del ciclone. Il punto è che l’attesa può durare mesi.

calabrone

Ma come il calabrone che a dispetto della fisica continua a volare, così Piazza Affari non smette di crescere. Seguire il vento, col rischio di trovarsi in mezzo alla tempesta a pieno carico oppure restare fermi in rada col rischio di perdere opportunità importanti?

Adelante con juicio, raccomanda il Nostromo. Restiamo su titoli solidi di società in utile, e male che vada incasseremo i dividendi a primavera. E nel frattempo, portiamo a casa il più possibile.

IL NOSTROMO

AVVISO AI NAVIGANTI – A testa alta

testa alta_1

Camminando sempre a testa bassa, si rischia di perdere la strada di casa. Quando si naviga, è necessario tenere sempre presente la rotta da seguire e non andare alla giornata.

Spesso siamo così presi dai movimenti di breve periodo del mercato da perdere di vista la strategia, e così capita di ritrovarsi con un portafoglio squilibrato. Seguire il trend va bene (trend is your friend), ma tenendo sempre presente dove ci troviamo e dove vogliamo andare. L’asset allocation è importante, altrimenti la corrente può portarci fuori rotta: troppa tattica può essere dannosa.

testa alta_3

Sfruttare questa fase crescente del mercato porta fieno in cascina, ma attenzione. Quando il mercato girerà, è importante non farsi trovare con l’uomo nero in mano per non giocarsi tutto quello che abbiamo guadagnato in tempi di vacche grasse.

IL NOSTROMO

 

 

AVVISO AI NAVIGANTI – Tempo di correre

Free picture (Three bays) from https://torange.biz/three-bays-1630

Il decennio si chiuderà bene, salvo eventi imprevisti. La tregua fra USA e Cina porterà all’accordo di fine novembre e il rissoso parlamento inglese non potrà tenere in scacco la Brexit ancora per molto. Ci restano ancora due mesi buoni di mercato – parliamo ovviamente dell’azionario – per mettere fieno in cascina con qualche uscita corsara.

Il consiglio del Nostromo è di monitorare i titoli che hanno buona salute e prospettive (ognuno ha la sua play-list), entrare a gamba tesa quando il mercato scende oltre il 2/3 per cento e uscire in profitto appena si torna un altro 2/3 per cento sopra. Si corre il rischio di rimanere inchiodati, ma in quel caso ci rifaremo coi dividendi. Se invece tutto continua ad andare come ora, i 5/600 € per ogni zingarata si portano a casa, utilizzando le minus fiscali dell’anno scorso per non pagare tasse. Pas mal

 

Lorenzo_de_Medici

Chi vol esser lieto sia, del doman non v’è certezza. Il prossimo decennio comincerà sicuramente peggio.

 

IL NOSTROMO